I migliori strumenti e accessori per impastare: Dalla planetaria al cestino per la lievitazione

Gli strumenti che uso quotidianamente per impastare

5/5

Planetaria: Kenwood

Per preparare le ricette descritte in questo blog uso una planetaria Kenwood. Secondo me sono le migliori. Sono indistruttibili. Il motore è garantito dieci anni. Fino ad ora non mi ha mai deluso né abbandonato in alcuna occasione.

Ne esistono di due versioni: Da 4.6 e 6.7 Litri. Le prime vanno bene per preparare impasti da circa 1/1.5 Kg che sarebbe la quantità per una famiglia di 2 o 3 persone. Le seconde hanno un motore più potente, impastano certamente meglio ma hanno dei limiti sulla quantità minima di impasto. Insomma, sono ideali se avete una famiglia numerosa, se preparate tanto pane e/o pizza, o siete (semi)-professionisti.

Il modello che uso è la Kenwood KM 336, che però è fuori produzione. A suo tempo era un modello intermedio. Vi lascio il link ad alcuni modelli che sono in produzione e che ritengo ottimi per panificare. 

planetaria kenwood ricette strumenti accessori

Pentole in Ghisa e
Dutch oven

Un buon modo per cuocere il nostro pane è quello di usare penrole in ghisa.

La ghisa non è altro che una lega ferrosa, la quale ha la particolare proprietà di avere un’altissima conducibilità termica. Questo la rende ideale per cuocere il pane, in quanto il calore viene trasmesso direttamente all’impasto. In genere vengono venduti con o senza piedini, a seconda che si vogliano utilizzare direttamente sulla fiamma di un focolare o nel forno domestico (indirizzatevi su queste ultime se non avete in programma di cucinare il pane in campeggio).

Ve ne sono di diversi tipi. Cercatene una col coperchio (mantiene il pane più umido e fragrante) e che non sia laccata. In genere la laccatura non resiste alle temperature come la ghisa. Infine, a seconda del tipo di pane che volete preparare, potete prenderne una tonda o rettangolare.

Per 1Kg di pane in genere le pentole devono avere un volume di almeno 3 litri.

Teglie per Pizza in
Ferro Blu e Rivestite

Per cuocere la pizza servono teglie adatte.

In genere i nostri forni domestici vengono corredati dalle delle teglie in alluminio che vanno bene per la cottura dei normali cibi, ma non sono davvero adatte per la pizza.

Il problema è il loro materiale, l’alluminio, che non conduce molto bene il calore. Vi sono due alternative, le teglie in ferro blu (si chiamano così perché quando si scaldano sembrano blu). E le teglie in ferro rivestite. 

Le pizze in ferro blu necessitano di una buona dose di manutenzione per evitare che si rovinino e arruginiscano. L’acqua la tollerano davvero male e non possono essere lavate in lavastoviglie. L’alternativa, come dicevo, sono delle teglie in ferro, ma rivestite da un sottile strato di alluminio. Ciò non compromette molto la conducibilità termica ma fa si che le teglie non si rovinino con l’acqua. 

pietra refrattaria pala pizza

Pietra Refrattaria e
Pale per Pizza

Altri accessori che non possono mancare nella vostra cucina se siete intenzionati a fare una pizza come si deve sono sicuramente la Pietra Refrattaria e la Pala per la Pizza

Quest’ultima infatti è indispensabile per portare la pizza in forno sopra la pietra.

ve ne sono di diversi tipi e spessori. Non prendete pietre più spesse di 2-3 cm, se non avete esigenze particolari. Infatti le pietre troppo alte ci mettono davvero molto tempo per riscaldarsi (anche 90min).

Un’ultima cosa, attenti alle dimensioni del forno. In genere i forni domestici accettano pietre refrattarie con dimensioni massime di 30x40cm

Cestini da Lievitazione
Tovaglioli di Lino

un altro accessorio che non può mancare se volete cimentarvi nella panificazione sono i Cestini da Lievitazione.

Si tratta di cestini, tipicamente in legno, nei quali viene adagiato l’impasto per lievitare. Ve ne sono di molteplici forme. I più usati sono tondi e rettangolari.

Per evitare che l’impasto si appiccichi alle pareti del cestino (con impasti molto idratati ad esempio) o per le lunghe lievitazioni si usano in genere dei panni al 100% in lino (o cotone) per foderare il cestino o il contenitore/teglia sulla quale si sta facendo maturare l’impasto.

garkorb cestino lievitazione panni in lino
accessori strumenti lievitazione pane panificazione

Altri Accessori:
Palette, contenitori etc.

Infine, vi sono tutta una serie di accessori che possono essere davvero utili quando fate il pane, dal termometro, alla bilancia di precisione, fino ancora alle palette e ai contenitori.

Dove compare le farine
e market alternativi

Un’ultima cosa:

 

Vi lascio con degli altri link utilissimi se volete acquistare delle farine particolari. Ad esempio farine svizzere, tedesche, o francesi, per preparazioni particolari.

Su questi market potete trovare sia farine sia altri accessori che vi verranno utili per fare il pane.

farine e market
libro panificazione

Libri di Ricette e Teoria della Panificazone

Internet è una vasta fonte di informazioni per quanto riguarda la panificazione e le tecniche necessarie.

Ma a volte è molto meglio, più veloce e anche più efficace leggersi un buon libro, dove i concetti vengono spiegati chiaramente e con molti esempi da panettieri professionisti

Ecco la mia selezione di libri che suggerisco: I primi due sono due libri generici con ricette. Buoni per cominciare. Il libro di Reinhart è per panificatori esperti, ma è uno dei migliori libri in circolazione. I libri di Lutz Geissler sono stupendi e scritti molto bene. Spiegano tecniche e ricette, e come apportare varianti (ad esempio cambiare il lievito di birra col lievito madre).

Scopri le ricette per pane e pizza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *